Thursday, June 30, 2011

Merluzzo e peperoni al pesto di spinaci


Un piatto semplice e colorato che ricorda i colori della bandiera italiana. Il peperone con il suo sapore inconfondibilmente dolce si sposa benissimo con quello ricchissimo del merluzzo cotto al vapore, il tutto colorato dal pesto di spinaci.
Una cena ideale per gli amanti del pesce.
Il vino consigliato: il Lizzano Rosato, un vino prodotto nella regione Puglia, dal colore tendente al rubino delicato e dal sapore asciutto e fresco.

Ingredienti per 4 persone:
600 gr di filetto di merluzzo
600 gr di peperoni rossi
80 gr di spinaci teneri
30 gr di gherigli di noce
40 gr di grana o parmigiano grattugiato
30 ml di olio d’oliva
1 cucchiaio di sale grosso
Pepe q.b.
Sale fino q.b.
Sciacquate i peperoni, asciugateli, ungeteli con poco olio, avvolgeteli uno ad uno in carta di alluminio (foto 1) e infornateli a 180°C (356°F) per 20 minuti girandoli a metà cottura.
Nel frattempo pulite gli spinaci eliminando le radici e le foglie sciupate, lavateli in abbondante acqua cambiandola più volte, scolateli e asciugateli con un telo da cucina (foto 2).

Prendete i cartocci di peperoni dal forno e lasciateli riposare per una decina di minuti.
Quindi apriteli, spellateli ed eliminate i torsoli e i semi interni. Divideteli in falde e rimetteteli nel forno spento chiusi tra due piatti.
Preparate il pesto di spinaci: mettete nel bicchiere del frullatore le foglie di spinaci, le noci, il formaggio e il sale grosso (foto 3), frullate per un paio di minuti a velocità media, gli ingredienti non devono essere troppo fini. Incorporatevi, a velocità minima e poco per volta, l’olio rimasto.

Lavate ed asciugate i filetti di merluzzo, salateli, pepateli da entrambe le parti e cuoceteli a vapore per 10 minuti. Una volta che il pesce sarà cotto dividete i filetti in grossi pezzi.
Diluite 2 cucchiai dell’acqua di cottura del pesce ancora calda nel pesto di spinaci.

Prendete 4 piatti e sistematevi su ognuno una falda di peperone. Appoggiate sulle falde qualche pezzo di merluzzo e conditelo con un po’ di pesto. Continuate alternando peperone, merluzzo e condendo ogni strato con il pesto. Tagliate una falda dei peperoni a dadini e terminate con il merluzzo, dadini di peperone e qualche goccia di pesto. Decorate con qualche foglia di spinaci e qualche gheriglio di noce e servite subito, finché gli ingredienti sono tiepidi.
Buon Appetito!   

Cod steak and red peppers with spinach pesto


A simple and colourful dish that recalls the Italian flag colours. The unmistakable sweet flavour of the pepper goes well with the rich flavour of the steamed cod steak, all coloured by the spinach pesto.
The ideal dinner for seafood lovers.
Recommended wine: Lizzano Rosé, a wine produced in the Puglia region, ruby-red coloured and with a dry and fresh taste.

Serves 4

Ingredients:
 Cod steak 600 g (21.16 oz)
 Red pepper 600 g (21.16 oz)
 Soft spinach 80 g (2.82 oz)
 Walnut kernels 30 g (1.06 oz)
 Grated Grana cheese or Parmesan cheese 40 g (1.41 oz)
 Olive oil 30 ml (1 fl oz)
 1 tablespoon of coarse salt
 Fine salt and pepper to taste
Rinse the peppers, dry, oil them with 2 teaspoons of oil, then wrap them, one by one, in tin foil (photo 1) and bake at 180°C (356°F) for 20 minutes turning halfway in the cooking process.
 Meanwhile, clean the spinach cutting the spoilt leaves and roots, then wash them in plenty of water changing it several times, then drain and dry them with a kitchen towel (photo 2).

 Take the baked in foil peppers from the oven and let them rest for ten minutes.
 Then open the foils, peel the peppers and remove the cores and seeds. Split them into layers and put them in the turned off oven closed between two dishes.
 Prepare the spinach pesto: put in the blender cup the spinach leaves, the walnut kernels, cheese and the coarse salt (photo 3), blend at medium speed for a couple of minutes, the ingredients should not be too thin. Then at low speed, mix in little by little the remaining oil.

Wash and dry the cod steaks, season them on both sides with salt and pepper, then steam them for 10 minutes. Once the fish is cooked, divide the steaks into large pieces.
 Water down 2 tablespoons of the fish cooking water in the spinach pesto.

 Take four dishes and put on each one a pepper layer. Lean on it a few pieces of cod and season with some spinach pesto. Continue alternating peppers, cod and seasoning each layer with the spinach pesto. Dice a pepper layer and finish with pieces of cod, diced pepper and a few drops of spinach pesto. Decorate with a few spinach leaves and a few walnut kernels and serve immediately, as long as the ingredients are still warm.
Bon Appetit!

Friday, June 24, 2011

Risotto con pompelmo rosa e gamberoni


Oggi vi suggerisco questo particolare risotto preparato tempo fa da Benedetta Parodi nel suo Cotto e Mangiato: Risotto con pompelmo rosa e gamberoni.
E' un piatto gustosissimo ma al contempo molto raffinato ed elegante, ideale per pranzo o anche per una cena molto chic.
I fan del programma noteranno che ho leggermente modificato la ricetta, ho usato solo il succo di due pompelmi omettendo del tutto la polpa, che a mio avviso dava al piatto un sapore eccessivamente aspro.
Ho abbinato a questo piatto uno Chardonnay Veneto, un ottimo vino dal colore giallo paglierino con un profumo fruttato ed un sapore asciutto, finissimo e molto gradevole.

Ingredienti per 4 persone:
400 gr di riso per risotti
12 gamberoni
2 pompelmi rosa
Una cipolla
Vino bianco q.b.
Sale
Olio evo q.b.
Una noce di burro
Pepe q.b.

Preparate il brodo di pesce: sgusciate i gamberoni, mettete gli scarti in una padella e fateli rosolare in un poco d'olio (foto 1). Aggiungete circa un litro di acqua (foto 2), un pizzico di sale, coprite e fate cuocere a fiamma media.
In un'altra padella abbastanza capiente, fate imbiondire la cipolla con un poco di olio, aggiungete il riso, fatelo tostare poi sfumate con il vino bianco. Quando il vino sarà evaporato aggiungete il succo dei due pompelmi, fate evaporare anche quello, poi bagnate con qualche mestolo di brodo, aggiungendone dell'altro man mano che il riso assorbe quello precedente, fino a che il riso non sarà cotto.
Aggiungete i gamberoni, lasciate cuocere per un minutino poi mantecate il riso con una noce di burro. Completate con una spolverata di pepe e servite.
Buon appetito!

Risotto with prawns (tiger-jumbo shrimp) and pink grapefruit


Today I suggest you this particular risotto prepared, a while ago, by Benedetta Parodi during Her television programme "Cotto & Mangiato": Risotto with king prawns (tiger-jumbo shrimp) and pink grapefruit.
 It's a very tasty dish, while very refined and elegant at the same time, it is ideal for lunch or for a very chic dinner.
 Fans of the programme will notice that I have slightly modified the recipe, I have used only the juice of two grapefruits, entirely omitting the flesh, which, I think, gave an unduly sour taste to the dish.
 I served this dish with a Chardonnay Veneto, which is an excellent pale yellow coloured wine with a fruity and dry taste, sometimes soft and very delicate.

Serves 4

Ingredients:
Rice for risotto 400 g (14.10 oz)
Prawns (Tiger shrimp) 12
Pink grapefruits 2
An onion
White wine to taste
Salt to taste
Extra virgin olive oil to taste
A knob of butter (a tablespoon)
Pepper to taste

 Prepare the fish broth: Shell the prawns, put the scraps in a pan and let them brown with a  little of olive oil (photo 1). Add about one litre of water (photo 2), a pinch of salt, then cover and let them cook over medium heat.
 Meanwhile, in a large deep pan, brown the minced onion lightly with a bit of olive oil, add the rice and toast it, then add white wine and simmer until reduced. When the wine has evaporated, add the juice of two grapefruits, let it evaporate as well, then pour a ladle of broth, add more broth as the rice absorbs the previous one, continue until the rice is cooked.
 Add the prawns and cook for one more minute, then cream the rice with a knob of butter. Complete with a sprinkling of pepper and serve.
 Bon appetit!

Friday, June 17, 2011

Torta di ciliegie

La ciliegia è un frutto primaverile, la raccolta inizia verso la metà di maggio per finire i primi giorni di luglio. Da molti è considerato un frutto allegro, nel mangiarle una tira l’altra e, quando ormai si è pieni, i bambini, ma anche i grandi, si divertono ad appenderle alle orecchie tipo orecchini.
Per altri invece è considerata un toccasana: 25 ciliegie al giorno con tanta acqua hanno proprietà purificanti per l’organismo.
Per la Chiesa cattolica la ciliegia ha anche un suo Santo protettore: San Gerardo dei Tintori, Patrono di Monza che si festeggia il 6 giugno.
La ciliegia oltre ad essere mangiata fresca, è molto utilizzata anche in cucina come base per marmellate, ma anche per accompagnare cibi salati. Inoltre le ciliegie sono utilizzate per produrre un vino aromatizzato che si accompagna benissimo con i dolci al cioccolato. Si possono mettere sotto spirito, oppure, per i più golosi, basta tuffarle nel cioccolato fondente fuso. Buonissime anche per la decorazione di torte o come base per torte: eccovi un esempio...

Ingredienti:
200 gr di ciliegie
2 uova
Un pizzico di sale
150 gr di zucchero
25 gr di olio di semi
½ bicchiere di latte
180 gr di farina
1 cucchiaino di lievito
1 bustina di vanillina o cannella a piacere
Zucchero a velo per decorare

Sciacquate le ciliegie, privatele del nocciolo e mettetele da parte.
Sbattete le uova con un pizzico di sale, aggiungete lo zucchero e continuate a montare fino ad ottenere un composto spumoso (foto 1). Incorporatevi l’olio, il latte e la farina setacciata con la vanillina, o se preferite la cannella, e il lievito.
Imburrate ed infarinate una tortiera di 26 cm di diametro, versatevi il composto e livellatelo (foto 2).  Aggiungete le ciliegie distribuendole su tutta la superficie, spolverizzatele con poco zucchero semolato (foto 3) e infornate a 170°C per circa 25 minuti.
Sfornate il dolce, lasciatelo raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo.
Buon appetito!

Cherry Pie

Cherry is a vernal fruit, harvesting begins in mid-May and ends the first days of July.
By many, it is considered a cheerful fruit, while eating them, one leads to another and, once you are full up, children and also adults, start joking with them by hanging them to the ears just like earrings.
For others, it simply makes you feel better: 25 cherries a day plus much water has got purifying properties for the body.
Also, for the Catholic Church, cherry has its own patron saint: San Gerardo dei Tintori, which is Monza patron and is celebrated on June 6.
As well as being eaten fresh, cherry is widely used in cooking as a basis for jams and, also to be served with savoury foods. In addition, cherries are used to produce an aromatic wine that goes well with chocolate desserts. You can put them in alcohol or, for the sweet tooth, just dip them in melted dark chocolate. They are also very good for decorating cakes or as the basis for cakes: here's an example ...

Ingredients:
Cherries 200 g (7.05 oz)
Eggs 2
A pinch of salt
Sugar 150 g (5.30 oz)
Oilseed 25 g (0.88 oz)
½ glass of milk
Flour 180 g (6.35 oz)
Baking powder 1 teaspoon
A vanillin sachet or cinnamon (as you prefer)
Icing sugar to decorate

Rinse cherries, remove the pit and put them aside.
Beat the eggs with a pinch of salt, add the sugar and continue beating until the mixture became frothy and light (photo 1). Mix in the oil, the milk and the flour sifted with the vanillin (or if you prefer the cinnamon) and the baking powder.
Grease and flour a 26 cm (10.24 in) in diameter cake pan, pour the mixture and even it out (photo 2). Add the cherries, spread them all over the surface, sprinkle with a little sugar (photo 3) and bake at 170°C (338°F) for about 25 minutes.
Take the cake out of the oven, leave it to cool, then sprinkle with icing sugar.
Bon appetit!

Thursday, June 9, 2011

Torta Ferrari

Per il 3° compleanno del mio piccolino, quest’anno ho preparato la torta Ferrari. L’idea è scaturita dal fatto che ha soli 3 anni, (appena compiuti) ma quando vede una Ferrari i suoi occhietti si spalancano come due riflettori. Ha tanti giocattoli, tutti rigorosamente riposti nella cesta, tranne le macchinine (i modellini) Ferrari che gli ha regalato il papà, il vero fan sfegatato della rossa di Maranello.
Da quelli non si stacca mai, non esce di casa se non ha con se uno o due macchinine Ferrari;
non si addormenta se non stringe tra le mani una macchinina Ferrari;
ormai le riconosce per modellino e se qualcuno gli chiede: “stai giocando con le macchinine?” Lui prontamente risponde: “No! Questa è la Ferrari Fiorano” (o la Ferrari 612 Scaglietti, o ancora la Ferrari F1 ecc.)
A proposito di formula 1… non vi dico cosa combina alla partenza di ogni gran premio! Beh…tanti auguri al mio cuccioletto, forza Ferrari e, per chi vuole provare, ecco la ricetta:

Ingredienti:
Per il pan di spagna
8 uova
340 gr di farina
320 gr di zucchero
Un pizzico di sale
Buccia grattugiata di un limone
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito

Per la bagna
600 ml di acqua
260 gr di zucchero
2 bicchierini di liquore strega (oppure liquore tipo Cointreau, limoncello o di vostro piacere)
buccia di un limone

Per la farcitura
1 kg di ricotta
500 gr di zucchero a velo
200 gr di gocce di cioccolato
2 cucchiai di liquore secco
1 cucchiaino di cannella

Per la pasta di zucchero
500 gr di zucchero a velo
1 albume
4 cucchiai di glucosio
Colorante rosso e nero

500 ml di panna da montare per decorare

Preparate la farcitura: Mettete la ricotta in un recipiente, setacciatevi lo zucchero a velo e mescolate bene con un cucchiaio. NON usate lo sbattitore nell’intento di velocizzare l’operazione perché rovinereste il tutto. Lasciate riposare in frigo per 7-8 ore ( nel frattempo preparate il pan di spagna e la bagna) poi passate al setaccio (foto 1) e incorporate le gocce di cioccolato, il liquore e la cannella (foto 2). Mescolate bene (foto 3)e tenete in frigo fino all’uso.

Preparate il pan di spagna: In una ciotola montate le uova con un pizzico di sale fino a formare una cremina, aggiungete lo zucchero, la scorza grattugiata del limone, la vanillina e continuate a montare fino ad avere un composto gonfio e spumoso. Poi incorporate, a poco a poco, la farina setacciata con il lievito. Versate il composto in due teglie, preferibilmente quadrate con i lati di 27 cm circa ricoperte di carta da forno.  Cuocete in forno preriscaldato a 170°C per circa 30 minuti. Sfornate le torte e lasciatele raffreddare.

Preparate la bagna: In un pentolino sul fuoco mettete l'acqua con lo zucchero e la scorza di limone (foto 4), mescolate e fate bollire appena, togliete dal fuoco e unite il liquore scelto. Lasciate raffreddare (foto 5).
(Se la torta deve essere consumata da bambini, una volta aggiunto il liquore lasciate bollire per 5 minuti in modo da far evaporare l’alcool).

Preparate la pasta di zucchero: scaldare il glucosio a bagnomaria. Setacciate lo zucchero a velo e mettetelo nel cestello dell'impastatrice con il glucosio e l'albume. Lavorate bene fino ad ottenere una palla. Dividete la pasta in tre parti, coloratene 1/3 con colorante rosso, 1/3 con quello nero (non avendo trovato il colorante nero ho usato il cacao amaro), e lasciate la restante bianca. Avvolgete in una pellicola trasparente e mettete in luogo fresco.

Componete la torta: Montate la panna. Tagliate un pan di spagna in 2 per il lungo. Mettete la parte bassa su di una tortiera e bagnate con la bagna preparata. Spalmate con ¾ della farcitura e livellate con una spatola, chiudete con la parte alta del pan di spagna (foto 6), spruzzate con altra bagna e spalmate la torta ed i bordi laterali con parte della panna montata. Prendete l’altro pan di spagna, sagomatelo in modo da ricavarne la forma della macchina, poi tagliatelo in due per il lungo. Poggiate la parte bassa sulla torta (foto 7), spruzzate con la bagna, spalmate con la farcitura (foto 8), coprite con la parte alta e spruzzate con altra bagna. Spalmate con poca panna montata. Ricavate le quattro ruote dal pan di spagna avanzato e procedete come per la macchina.

Prendete la pasta di zucchero colorata di rosso (foto 9), stendetela e ricoprite la macchina (foto 10), tenete da parte la pasta eccedente che servirà per decorare gli alettoni.
Con la pasta colorata di nero ricoprite le ruote (foto 10-11), disegnate l’abitacolo (foto 11) e, avvolgendo un pezzo di pan di spagna avanzante non bagnato, formate il sostegno per l’alettone posteriore.

Prendete ora la pasta di zucchero bianca e disegnate gli alettoni, fate una pallina e poggiatela nell’abitacolo per fare il pilota (foto 12-13)...finite la torta decorando con ciuffetti di panna montata (foto 14).
Buon appetito!

Ferrari cake

On the occasion of the third birthday of my little child, this year I prepared the Ferrari cake. The idea originates from the fact that He is only 3 years old (He has just turned three), but when he sees a Ferrari his eyes are open wide just like two reflectors. He has got a lots of toys, all of them packed away in the basket, except for the Ferrari toy cars (model cars) that his father, the real big fan of the red Ferrari, gave him.
He just can’t let go of those once, He never leaves home without his Ferrari toy cars;
He does not fall asleep if he is not clutching a toy car Ferrari;

By now He can recognize them by the model name and if someone asks him, "are you playing with the toy cars?" He promptly replies: "No! This is a Ferrari Fiorano "(or a Ferrari 612 Scaglietti, or even a Ferrari F1 etc..)
Speaking of Formula 1 ... You’ll never believe what He does at each F1 grand prix starting!

Well ... happy birthday to my little baby! Go Ferrari!
And, for those who would like to try it, here's the recipe:

Ingredients:
For the sponge cake
Eggs 8
Flour 340 g (12 oz)
Sugar 320 g (11.29 oz)
A pinch of salt
1 Grated lemon peel
1 vanillin sachet
2 teaspoons of baking powder

To sprinkle the sponge cake
Water 600 ml (20 fl oz)
Sugar 260 g (9.17 oz)
2 liqueur glass of Strega liqueur (or other preferred liqueur such as Cointreau, limoncello etc.)
1 lemon peel

For the filling
Ricotta cheese 1 kg (2.20 pounds)
Icing sugar 500 g (17.64 oz)
Chocolate chips 200 g (7.05 oz)
2 tablespoons of dry liqueur
1 teaspoon of cinnamon

For the sugar paste
Icing sugar 500 g (17.64 oz)
1 egg white
4 tablespoons of glucose
Black and red food colouring
500 ml (17 fl oz) of whipping cream to decorate
Prepare the filling: Put the ricotta cheese in a mixing bowl, sift in the icing sugar and stir well with a spoon. DO NOT use the mixer in order to speed up the operation because that would spoil everything. Let rest in the refrigerator for about 7-8 hours (in the meantime, prepare the sponge cake and the liqueur syrup) then sieve it (picture 1) and mix in the chocolate chips (picture 2), the liqueur and the cinnamon. Mix well and put it in the fridge until use (picture 3).

Prepare the sponge cake: In a bowl beat the eggs with a pinch of salt until they became creamy, add the sugar, the grated lemon rind, vanillin and beat until it became creamy and puffy. Then gradually work in the flour sifted with the baking powder. Pour the mixture into two, preferably, square baking tray with sides of 27 cm (10.63 in) covered with baking paper. Bake in preheated oven at 170°C (338°F) for about 30 minutes. Take the cakes out of the oven and let them cool.

Prepare the liqueur syrup: Put the water, the sugar and the lemon rind in a small saucepan and put it on the burner (picture 4), stir and bring it to the boil, remove from heat and add the chosen liqueur. Leave it to cool (picture 5).
(If the cake must be eaten by children, let it simmer for 5 more minutes after having added the liqueur, in order to let the alcohol evaporate).

Prepare the sugar paste: heat the glucose in a bain-marie. Sift the icing sugar, put it in the kneader with the glucose and the egg white. Knead well until you get a ball. Divide the obtained paste into three parts, then colour 1/3 with red food colouring, 1/3 with black food colouring (I did not find the black coluring so I used the cocoa powder), and leave 1/3 white. Wrap each ball into a clingfilm and put in a cool place.


Assemble the cake: Whip the cream. Cut one sponge cake in two lengthwise. Put the bottom on a cake tray and sprinkle with the prepared syrup. Spread with ¾ of the filling and even it out with a paddle, close it with the sponge cake top (picture 6), sprinkle with the liqueur syrup and spread the cake with the whipped cream. Take the other sponge cake, mould it in order to obtain the car shape, then cut it in two lengthwise. Put the bottom on the cake (picture 7), sprinkle with the liqueur syrup, spread with the remaining filling (preserving some for the wheels) (picture 8), cover with the sponge top and sprinkle with more syrup. Spread with little whipped cream. Make the four-wheels by using the left over sponge cake and proceed as you have done for the car.
Take the red-coloured sugar paste (picture 9), roll it out and cover the car, keep aside the exceeding paste, it will be used to decorate the wings.
With the black-coloured paste cover the wheels (picture 10), draw the driver compartment (picture 11)and, wrapping a piece of the exceeding sponge cake, make the support for the rear wing.
Now take the white sugar paste and draw the wings, make a small ball and place it in the passenger compartment, that will be the Formula one driver (pictures 12-13) ... complete by decorating the cake with whipped cream tufts (picture 14).
Bon appetit!

Thursday, June 2, 2011

Coniglio con finocchi


Eccomi qua! Mi scuso per avervi trascurato un pochino in queste settimane, ma sono in ferie e...gira di qua, gira di là, non sempre la connessione è disponibile. Poi, ovviamente, non sono ai miei fornelli per cui cucino pochissimo, anzi per niente.
Oggi vi suggerisco una ricetta che ho fatto tempo fa e che avrei voluto postarvi prima, ma tra valige e preparativi vari non ne ho avuto l'occasione.
Il coniglio con finocchi è un secondo molto buono e gustoso, una pietanza davvero buona di semplice preparazione che vi suggerisco di provare.

Ingredienti per 4 persone:
Un coniglio di circa 1,2 kg tagliato a pezzi
150 gr di salsiccia
4 finocchi
2 carote
Una costa di sedano
Una cipolla
2 cucchiai di pinoli
Vino bianco
2 cucchiai di olio evo
Sale, pepe

Lavate i pezzi di coniglio. Pulite i finocchi e tagliateli a spicchietti. Spellate la salsiccia e spezzettatela. Pulite la cipolla, le carote e il sedano, tritateli e rosolateli in un tegame con l'olio per 2-3 minuti. Unite la salsiccia, cuocete ancora per 2-3 minuti, poi aggiungete i pezzi di coniglio e fateli colorire per 4-5 minuti, voltandoli spesso. Unite un cucchiaio di pinoli tritati, sale e pepe. Bagnate con mezzo bicchiere di vino, fate evaporare a fuoco vivace, abbassate la fiamma e cuocete coperto per 30 minuti; unite i finocchi e cuocete ancora per 20 minuti. Togliete il coperchio e cuocete a fuoco vivo finchè il coniglio è dorato in modo uniforme. Completate con i pinoli rimasti, tostati per 2-3 minuti in una padellina antiaderente.
Buon appetito!

Rabbit with fennel


Here I am! I apologise for having neglected you a little bit in recent weeks, but I am on vacation and... travel here, wander there, the connection is not always available. Then, of course, I don't have my stove and I don't cook much, indeed I don't cook at all.
 Today I suggest you a recipe that I made some time ago and I would have liked to post before, but I have been busy in doing packing and several preparations.
 Rabbit with fennel is a very good and tasty second course, a really good and simple to prepare dish that I really suggest you to try.

Serves 4

Ingredients:

A chopped rabbit of about 1.2 kg (2.65 pounds)
Sausage 150 g (5.29 oz)
Fennel 4
Carrots 2
A stalk of celery
An onion
2 tablespoons of pine nuts
White wine to taste
2 tablespoons of extra virgin olive oil
Salt and pepper to taste

 Wash the rabbit pieces. Clean and slice the fennel. Peel and dice the sausages. Peel and chop the onion, the carrots and the celery, let them sautè in a pan with the oil for 2-3 minutes. Add the chopped sausage and cook for 2-3 minutes, then add the rabbit pieces and let them brown for 4-5 minutes, stirring them many times. Add a tablespoon of chopped pine nuts, salt and pepper. Sprinkle with half a glass of wine, let evaporate over high heat, lower the heat, cover and let it simmer for 30 minutes, add the fennel and cook for other 20 minutes. Remove the lid and cook over high heat until the rabbit is evenly browned. Complete with the remaining pine nuts, previously toasted for 2-3 minutes in a nonstick skillet.
 Bon appetit!